CONSORZIO
ORTOFRUTTICOLO
VALLI DELLE MARCHE

SERVIZI

METEO

Privacy Policy

Home > NEWS
Notizie
FRESCHISSIMO O FREDDISSIMO, DAL CAMPO ALLA TAVOLA

Giovedì 2 luglio, ore 18 Centro Agroalimentare Piceno di Vallepiana

COVALM PRESENTE A SAN BENEDETTO DEL TRONTO PER I “GIOVEDì DEL GUSTO” DI EXPO MARCHE

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Come le verdure surgelate possono conservare le proprie proprietà organolettiche e mantenersi gustose come quelle appena raccolte? È possibile parlare di Km0 del surgelato? Queste e molte altre le questioni che verranno affrontate giovedì 2 luglio alle ore 18 presso il Centro Agroalimentare Vallepiana di San Benedetto del Tronto “porta d’ingresso dell’agricoltura” per Expo. Per “I Giovedì del Gusto” serie di appuntamenti legati ad EXPO 2015 con cui la Regione Marche intende far scoprire l’offerta enogastronomica del territorio marchigiano, Covalm è chiamata a partecipare all’evento “Freschissimo o Freddissimo, dal campo alla tavola”, organizzato dall’AOP, Associazione di Organizzazioni dei Produttori, di cui Covalm fa parte assieme a Agromarche e Promarche.

Una finestra per presentare l’AOP e le tre realtà che la compongono e per degustare alcuni dei prodotti che Covalm e le altre aziende producono e che finiscono sulle tavole degli italiani e nei loro freezer. L’evento si articolerà in due momenti: una tavola rotonda coordinata dal giornalista Filippo Ferretti alla quale parteciperanno l’agronomo dell’OP Agromarche, Silvio Pierdomenico, il rappresentante dell’OP Promarche, Luigi Falco e Pino De Luca Direttore Commerciale dell’OP Covalm.

Al Dott. De Luca sarà affidato il compito di snocciolare le questioni inerenti i “Surgelati a Km 0, dal campo alla tavola” andando ad evidenziare l’iter tempestivo di surgelazione del raccolto fresco che garantisce il mantenimento delle proprietà organolettiche del prodotto.

La seconda parte dell’appuntamento si apre alle ore 19 con la degustazione dei tanti prodotti dei soci dell’AOP combinati e preparati appositamente dalle mani sapienti di uno chef.

 

 
10° Anniversario C.O.Val.M. S.c.a.p.a.

La serata del 24 aprile 2014 ha segnato un momento apicale per COVALM, il Consorzio Ortofrutticolo Valli delle Marche che ha festeggiato i dieci anni di vita: un compleanno significativo soprattutto se l’esperienza vissuta nel tempo, è motivo di orgoglio e soddisfazione e se le idee per la programmazione futura sono lucide, concrete e ricche di entusiasmo.

Il Consorzio si è costituito nell’anno 2004 come Organizzazione di Produttori (O.P.) sposando l’idea di essere una struttura di democrazia economica con larga partecipazione dei soci alle scelte strategiche ed operative, di concentrare e qualificare l’offerta per consentire ai suoi produttori di stare sul mercato con un maggiore potere contrattuale e di promuovere interventi capaci di migliorare la qualità dei prodotti e tutelare l’ambiente e la salute dei consumatori (garantendo un’alimentazione corretta).

Nel tempo infatti, sostenendo una corretta politica di promozione dell’assistenza tecnica agraria mirata e d’avanguardia, Covalm si è specializzata nell’offerta di prodotti destinati alla surgelazione con una quota riservata al mercato del fresco ed un’attenzione all’implementazione delle colture biologiche, ricercando sempre un proficuo equilibrio tra la qualità del prodotto immesso sul mercato e lo sviluppo ecosostenibile dell’ambiente e del territorio.

Non è un caso quindi che nei suoi dieci anni di attività, Il Consorzio Ortofrutticolo osimano, in sinergia con le sue partecipate ORTO Verde, COVALM Biogas, PICENA Surgelati e Cesano srl energie rinnovabili, sia diventato una realtà leader nel settore della coltivazione e lavorazione degli ortaggi surgelati, qualificandoli sul mercato come il meglio della produzione nazionale di settore tanto da conquistare i clienti più prestigiosi (Findus, Valle degli Orti, Orogel, Esselunga ecc.).

Il raggio d’azione di questa bella e solida realtà produttiva marchigiana si amplifica sensibilmente nell’amore e nella tutela di un territorio e delle persone che lo vivono con la scelta di coltivazioni a basso impatto ambientale, l’installazione di pannelli fotovoltaici, l’utilizzo di un impianto per il riciclo delle acque reflue di lavorazione e l’attivazione di un impianto a biomasse derivanti da prodotti agricoli di scarto.

Questa in sintesi è la filosofia aziendale che ha animato il primo decennio di vita di Covalm. Un progetto ampio e ambizioso che si è realizzato e potrà espandersi con successo negli anni futuri, grazie al senso di appartenenza che anima gli uomini e le donne che ogni giorno lavorano nel e per il Consorzio: un gruppo di persone entusiaste e motivate da obiettivi chiari e condivisi per le quali è sempre vivo l’ideale che “il successo del singolo, è il successo del gruppo.

Ecco perché la serata dedicata ai dieci anni di attività di Covalm, acquista un sapore antico e nuovo allo stesso tempo: è un grazie a tutti coloro che ci hanno creduto come i soci fondatori e i collaboratori premiati durante l’evento, e insieme un invito a gettare ancora il cuore oltre l’ostacolo, per affrontare le nuove sfide e raggiungere gli obiettivi che la realtà economica contingente e le richieste di un mercato alimentare sempre più esigente, porranno innanzi.

 
Un accordo con la Bpa per alleggerire il credito

Il Consorzio Ortofrutticolo Valli delle Marche ha stretto una convenzione con la Banca Popolare di Ancona, con l'obiettivo di dare la possibilità alle imprese dell'indotto consortile marchigiano di instaurare a condizioni interessanti, un rapporto col suddetto istituto. In allegato a questa news potete trovare l'articolo completo del Corriere Adriatico Marche del 29 gennaio scorso che riporta l'iniziativa.

 

Scarica l'Articolo del Corriere Adriatico Marche del 29/01/2014

 
La «Orto» congela la crisi. In 5 anni il fatturato è esploso.

RESTO DEL CARLINO - 17 Aprile 2013

Scarica l'articolo del RESTO DEL CARLINO

IN UN TERRITORIO drammaticamente pieno di aziende in crisi, la O.R.T.O. Verde s.c.a.p.a. spicca per il coraggio e la capacità di investire sulla qualità e di guardare con fiducia al futuro. L’obiettivo primario di questa società senigalliese, leader regionale nel settore dei vegetali surgelati, è proprio quello di puntare esclusivamente su prodotti surgelati di alta qualità, abbandonando la tradizionale lavorazione di cibi in scatola.

La O.R.T.O. Verde vanta ben 329 aziende agricole associate a C.o.val.m. Op (organizzazione di produttori che dispone del 90% del capitale sociale), sulla base di oltre 4.300 ettari coltivati. Dopo aver rilevato le strutture dell’ex SCAC nel 2007, i soci si sono concentrati sulla produzione biologica nella speranza di collaborare con le catene di grande distribuzione e con i servizi di catering nazionali e internazionali. In cinque anni il fatturato di questa azienda è cresciuto dai 3.506.000 euro del 2007 ai 18 del 2012, ma i segnali più incoraggianti arrivano dal tasso di occupazione che la O.R.T.O. Verde riesce tutt’ora a garantire con 145 unità di lavoro totali. «La Regione Marche è all’avanguardia in questo settore industriale, tra Senigallia e Ascoli, infatti, ci sono quattro aziende produttrici di alimenti surgelati che coprono il 50% di tutta la produzione nazionale» dichiara il Presidente di O.R.T.O. Verde Giampaolo Pettinari. «Tutte le nostre produzioni sono tracciate lungo il percorso di filiera e certificate a lotta integrata e biologica e ciò ci ha permesso di espanderci, di farci conoscere su scala nazionale e di realizzare un brand tutto nostro. Dopo un periodo di assestamento e in seguito alla capitalizzazione della società, i soci hanno intuito che era indispensabile guardare al futuro puntando su un mercato diverso e su una riconversione produttiva immediata». «Sfortunatamente molti cittadini non conoscono realtà locali sane e produttive come O.R.T.O. Verde» afferma il sindaco Maurizio Mangialardi: «La situazione economica è difficile per tutte le imprese, per ciò quelle poche eccezioni che riescono ancora a dare speranza ai lavoratori vanno valorizzate al massimo. Per creare un ambiente serio come l’O.R.T.O. Verde bastano poche persone motivate che oltre allo spirito imprenditoriale, curano l’ambiente e il proprio personale».

Nicolò Scocchera

 
Un progetto del Covalm per potenziare la filiera marchigiana.

Un progetto del Covalm per potenziare la filiera marchigiana.

Scarica l'articolo completo.

 
«InizioPrec.12Succ.Fine»

Pagina 1 di 2